Ultima modifica: 26 ottobre 2018

Polfer a scuola per spiegare il corretto uso dei treni

Mercoledì 24 ottobre si è svolto presso la sede centrale dell’istituto comprensivo A. Stradella di Nepi l’incontro con la polizia ferroviaria, nell’ambito del progetto nazionale “Train… to be cool”, ideato in collaborazione con il Miur e supportato dalla facoltà di Psicologia dell’Università degli studi La Sapienza di Roma.

Tema del giorno “Corretto uso del mezzo ferroviario e fenomeni di devianza”. L’iniziativa nasce nel 2014 e prevede momenti di incontro tra gli studenti della fascia d’età che va dai 13 ai 16 anni e gli operatori specializzati della Polfer. Nello specifico sono stati coinvolti alunni delle classi seconde e terze di Nepi e Caste Sant’Elia.

Tra gli obiettivi del progetto emergono l’educazione alla legalità, la sensibilizzazione dei giovani ad un uso corretto dei mezzi ferroviari, per la incolumità propria e altrui, e lo sviluppo della consapevolezza dei pericoli e delle insidie che un luogo, apparentemente sicuro come lo scalo ferroviario, può nascondere.

Con i ragazzi sono stati affrontati e discussi fatti di cronaca avvenuti sul territorio nazionale, relativamente ad incidenti dovuti a comportamenti scorretti da parte della giovane utenza.

La dirigente scolastica Domenica Ripepi e la professoressa Grazia Bannetta promotrice dell’iniziativa, hanno accolto gli assistenti capo Daniele Berteni e Franco Perrelli, esprimendo la loro gratitudine e la piena condivisione per l’iniziativa ai due relatori che hanno dimostrato grande professionalità e capacità di coinvolgimento degli studenti.

La dirigente scolastica e il corpo docente dell’istituto hanno colto la validità dell’iniziativa per guidare i giovani ad un comportamento responsabile, necessario per esercitare i propri diritti di cittadinanza e per la tutela della loro sicurezza.

Istituto comprensivo “A. Stradella” di Nepi

 

Leggi articolo su Tuscia Web